Condizioni generali di vendita

Condizioni generali di vendita, di consegna e di pagamento


1. GENERALITA’
1.1.
Le nostre offerte, forniture e prestazioni sono soggette esclusivamente alle presenti Condizioni. Non riconosciamo condizioni dell’acquirente che siano contrarie oppure discordanti dalle nostre, salvo siano state da noi confermate espressamente per iscritto. Accordi che deroghino dalle presenti Condizioni sono validi solo per un determinato contratto e non per i contratti successivi, salvo diversa espressa pattuizione.
1.2.
Tutti gli accordi, i patti accessori e le modifi che contrattuali necessitano della forma scritta. Ciò vale anche per la deroga al requisito di forma scritta. Affermazioni orali o scritte, che deroghino alle nostre Condizioni e/o alla nostra conferma d’ordine, necessitano, per acquisire effi cacia, dell’approvazione dei nostri dirigenti o procuratori in numero tale da avere potere di rappresentanza. I nostri rappresentanti o dipendenti non hanno facoltà di stipulare accordi in deroga alle presenti Condizioni, né di concedere condizioni particolari.
2. INFORMAZIONI, CONSULENZA
 
Le informazioni e la consulenza aventi per oggetto i nostri prodotti si basano sulle esperienze fi nora fatte. I valori qui indicati costituiscono valori medi. Le informazioni e la consulenza non esonerano l’acquirente dall’obbligo di eseguire i controlli di idoneità sulla merce fornita e di osservare le prescrizioni di lavorazione. Informazioni verbali non sono vincolanti.
3. OFFERTA E PERFEZIONAMENTO DEL CONTRATTO
3.1.
Le nostre offerte non sono vincolanti. Un contratto di fornitura o di altro tipo risulta perfezionato una volta che abbiamo confermato per iscritto l’ordinazione del cliente o altra commessa, oppure consegnato la merce.
3.2.
Campioni e parti in prova hanno carattere non vincolante e servono alla pura visione della merce. In caso di acquisto su campione e/o parti in prova ci riserviamo la presenza di difformità usuali nel ramo merceologico, o rientranti nelle tolleranze di produzione. La consegna di campioni o parti in prova non implica una garanzia sulla conformazione o la durevolezza della merce, salvo che ciò sia concordato espressamente nella conferma d’ordine.
3.3.
Campioni e parti in prova dovranno esserci ritornati in stato impeccabile entro 4 settimane. Se alla scadenza di questo termine non li avremo ricevuti, siamo autorizzati a fatturarne il prezzo, conformemente al listino prezzi. I listini prezzi possono esserci richiesti in qualsiasi momento.
3.4.
Salvo diversa pattuizione espressa, le indicazioni sotto forma di testo o illustrazioni da noi riportate in cataloghi, depliant ed altre pubblicazioni (per es. descrizioni, raffi gurazioni o disegni) contrassegnano la merce da noi fornita e le relative possibilità d’impiego in modo esauriente. Le nostre indicazioni non rappresentano garanzia di durevolezza o conformazione della merce e rispondono alle nostre attuali conoscenze. Decliniamo qualsiasi responsabilità per il buon esito d’impiego della merce.
3.5.
Le dimensioni indicate in offerte e documentazione sono solo approssimative e si intendono, per la merce smaltata, comprensive delle tolleranze usuali. Ci riserviamo il diritto di eseguire modifi che costruttive per migliorare i prodotti.
4. PREZZI
4.1.
Per la fatturazione sono determinanti i prezzi in vigore alla data di fornitura in base al nostro listino prezzi vigente, salvo che sia stato espressamente concordato per iscritto un prezzo fi sso.
4.2.
Tutti i prezzi sono da considerarsi al netto dell’imposta sul valore aggiunto, che dovrà essere ulteriormente corrisposta dall’acquirente, in base all’aliquota rispettivamente in vigore.
4.3.
Se nel periodo compreso fra la data della conferma d’ordine e la data della fornitura i nostri costi di materiale, i costi energetici, i salari o il costo del lavoro dovessero subire un aumento, siamo autorizzati ad eseguire l’adeguamento di un prezzo fi sso eventualmente concordato. Se il prezzo dovesse venire aumentato di un importo maggiore del 5%, l’acquirente ha facoltà di recedere dal contratto.
5. FORNITURA
5.1.
I termini di consegna pattuiti decorrono dalla data della nostra conferma d’ordine, tuttavia, non prima che sia pervenuto un eventuale anticipo concordato, che siano stati chiariti tutti i dettagli dell’ordine e che siano state consegnate tutte le necessarie certifi cazioni e/o tutti i documenti necessari. Il termine di consegna si ritiene rispettato quando, prima della scadenza, l’oggetto della fornitura abbia lasciato i nostri stabilimenti o il nostro magazzino oppure, nel caso che la merce non possa venire puntualmente spedita senza che ciò sia a noi imputabile, quando sia stato segnalato che è pronto per la spedizione. Salvo diversa pattuizione, i termini di consegna sono da considerarsi approssimativi.
5.2.
In caso di mancato rispetto dei termini di consegna, che non siano stati defi niti espressamente come “fi ssi” nella conferma d’ordine, l’acquirente potrà sollecitare la consegna o la prestazione, fi ssando un’adeguata proroga del termine. Il ritardo di adempimento subentra soltanto una volta scaduta infruttuosamente anche tale proroga.
5.3.
I termini di consegna sono da considerarsi prolungati dell’intervallo di tempo a cui ammonta il ritardo dell’acquirente nell’adempiere ai propri obblighi contrattuali, fatti salvi i nostri diritti derivanti da ritardi di pagamento.
5.4.
È salva la riserva dell’acquirente ad ottenere una corretta e puntuale consegna ritirando egli stesso la merce, purché non possano venirci imputate carenze nella consegna.
5.5.
Eventi imprevedibili, inconsueti, a noi non imputabili, come vertenze sindacali, guasti di produzione, interventi delle autorità, interruzioni nel trasporto o altri casi di forza maggiore, indipendentemente che tali eventi si verifi chino presso di noi o presso uno dei nostri pre-fornitori, ci esonerano dagli obblighi del rispettivo contratto; in caso di impedimenti di natura temporanea l’esonero è limitato alla durata dell’impedimento, aumentata di un adeguato tempo di riavvio. Le suddette circostanze esulano dalla nostra responsabilità anche nel caso in cui esse insorgano nel corso di un ritardo già esistente. Nel caso in cui sorga un’impossibilità di consegna, o una manifesta ingiustizia per una delle parti contrattuali, entrambe le parti hanno facoltà di recedere dal contratto.
5.6.
Esulano dalla nostra responsabilità danni da ritardi dovuti ad un’infrazione di obblighi contrattuali dovuta a colpa lieve (negligenza), salvo che l’infrazione causi una lesione alla vita, all’incolumità fi sica o alla salute della persona. Questa norma non comporta un’inversione dell’onere della prova a svantaggio dell’acquirente.
5.7.
Se la responsabilità per danni da ritardo è legata ad un’infrazione di obblighi contrattuali dovuta non soltanto a colpa lieve, l’acquirente avrà diritto a reclamare, con esclusione di qualsiasi altro diritto, soltanto un’indennità pari allo 0,5% per ogni settimana intera di ritardo e comunque per un importo massimo non superiore al 5% del valore di quella parte della fornitura globale che, a causa del ritardo, non può essere utilizzata in tempo o non come previsto dal contratto.
5.8.
Siamo autorizzati ad eseguire consegne parziali, purché non rappresentino una manifesta ingiustizia per l’acquirente. Le consegne parziali potranno essere fatturate separatamente.
6. SPEDIZIONE E TRAPASSO DEL RISCHIO
6.1.
Salvo diversa pattuizione, la consegna viene eseguita franco stabilimento (Goslar). Nel caso in cui siano state concordate condizioni in base ai codici Incoterm, ne trova applicazione la versione in vigore alla data del perfezionamento del contratto.
6.2.
Se, su richiesta dell’acquirente, la merce viene spedita in un luogo diverso dal luogo d’adempimento, tutte le relative spese vanno a carico dell’acquirente. A noi spetta la scelta del tragitto e dell’azienda incaricata del trasporto. Danni di trasporto dovranno essere comunicati dall’acquirente sia a noi che all’azienda incaricata del trasporto, per iscritto e subito dopo la ricezione della merce, con indicazione del tipo e dell’entità del danno. Un’assicurazione della merce, contro danni e perdite dovuti a trasporto o contro la rottura della merce, verrà stipulata soltanto su espresso desiderio dell’acquirente e a suo carico.
6.3.
In caso di fornitura franco stabilimento la spedizione e il trasporto sono sempre a rischio dell’acquirente. Ciò vale anche nel caso in cui eseguiamo la consegna ad un terzo (operazione di mediazione) e per il ritorno di merci o di vuoti (imballaggi a rendere). Il rischio passa all’acquirente, anche in caso di consegna parziale, non appena la merce destinata alla spedizione è stata consegnata alla persona incaricata del trasporto, oppure ha lasciato, a scopo di spedizione, il nostro magazzino, o il nostro stabilimento in caso di consegna franco stabilimento.
6.4.
Se la spedizione della merce subisce un ritardo imputabile all’acquirente, oppure nel caso in cui sia l’acquirente stesso a dover provvedere al trasporto della merce, il rischio passa all’acquirente, dal momento in cui viene comunicato all’acquirente che la merce è pronta per essere spedita. Una volta avvenuto il trapasso del rischio, i costi di magazzino sono a carico dell’acquirente. In caso di consegna nel nostro stabilimento o magazzino, i costi di magazzino ammon tano ad un importo mensile dello 0,5% dell’importo fatturato. È salvo il diritto a fornire prova di costi maggiori. Dopo aver fi ssato un’adeguata proroga del termine e dopo il mancato rispetto anche di tale termine, siamo autorizzati a disporre altrimenti della merce e ad effettuare noi stessi la consegna all’acquirente ad una scadenza adeguatamente prorogata.
7. PAGAMENTO
7.1.
I pagamenti dovranno essere effettuati in Euro, al netto di porto e spese. Dovranno essere effettuati esclusivamente presso il domicilio di pagamento da noi indicato. Gli assegni sono da considerarsi pagamenti soltanto una volta accreditati e vengono accettati senza alcun obbligo ad incassarli e protestarli tempestivamente.
7.2.
Salvo diversa pattuizione espressa, i pagamenti dovranno essere effettuati entro 10 giorni dalla data della fattura con il 2% di sconto, o entro 30 giorni dalla data della fattura al netto. Il diritto di sconto decade, se sono ancora in sospeso fatture di data anteriore non ancora saldate.
7.3.
In caso di mancato rispetto delle scadenze di pagamento, siamo autorizzati ad esigere interessi di mora superiori dell’8% al saggio di base annuo (art. 247 del BGB, c.c. tedesco). Inoltre tutti i nostri crediti diventano immediatamente esigibili.
7.4.
Il conguaglio con contropretese dell’acquirente è ammissibile soltanto se tali contropretese non siano controverse o siano state sancite da sentenza passata in giudicato. Per vizi della cosa, l’acquirente potrà ritenere al massimo il triplo dell’importo a cui ammontano le spese per l’impedimento ritardato del contratto. In caso di esercizio del diritto di ritenzione, l’acquirente è tenuto a fornirci, per l’importo parziale non pagato, una garanzia a nostra scelta in forma di fi deiussione bancaria o di deposito presso un notaio di sua elezione.
8. RISERVA DI PROPRIETA’
8.1.
Tutte le merci fornite rimangono di nostra proprietà (merci con riserva di proprietà) fi no al soddisfacimento di tutti i crediti di cui siamo titolari per qualsiasi motivo giuridico, compresi i crediti futuri ed i crediti condizionali, a noi spettanti in base a contratti stipulati contemporaneamente o successivamente. Ciò vale anche se vengono effettuati pagamenti riferiti a crediti particolari. Se sussistono indizi che legittimano l’ipotesi di una presente o imminente insolvenza dell’acquirente, siamo autorizzati a recedere dal contratto senza preavviso e ad esigere la riconsegna della merce.
8.2.
La lavorazione e la trasformazione delle merci con riserva di proprietà sono eseguite da parte nostra, in qualità di produttori, ai sensi dell’art. 950 BGB (c.c. tedesco), senza che siamo soggetti a vincolo. Le merci lavorate e trasformate sono da ritenersi merce con riserva di proprietà ai sensi del punto 8.1. In caso di trasformazione, unione e commistione delle merci con riserva di proprietà con altre merci da parte dell’acquirente, a noi spetta la comproprietà sulla nuova cosa, in proporzione del valore di conto della merce con riserva di proprietà, rispetto al valore di conto delle altre merci utilizzate. Se la nostra proprietà si estingue a causa di unione o commistione, l’acquirente ci trasferisce già da ora i suoi diritti di proprietà sul nuovo insieme o cosa, per l’entità del valore di conto della merce con riserva di proprietà rispetto alle altre merci, e si impegna a consegnarci il nuovo insieme o cosa gratuitamente. I diritti di comproprietà sono da considerarsi quali merci con riserva di proprietà ai sensi del punto 8.1.
8.3.
L’acquirente ha facoltà di rivendere, trasformare, unire ad altre cose o incorporare la merce con riserva di proprietà (rivendita) solo nell’ambito del commercio ordinario, fi ntantoché non si trova in mora. Egli non ha il diritto di disporre altrimenti della merce con riserva di proprietà. Pignoramenti eseguiti da terzi o altre sottrazioni di merce con riserva di proprietà dovranno esserci immediatamente comunicati.
8.4.
L’acquirente ci cede già da ora i suoi crediti derivanti dalla rivendita delle merci con riserva di proprietà. Essi hanno funzione di garanzia nella stessa misura della merce con riserva di proprietà. L’acquirente è autorizzato a rivendere soltanto se è assicurato che ci vengano ceduti i crediti che insorgeranno a suo titolo.
8.5.
Se l’acquirente rivende la merce con riserva di proprietà ad un prezzo complessivo, unitamente ad altre merci non da noi fornite, la cessione dei crediti derivanti dalla rivendita avrà per oggetto soltanto il valore di conto della merce con riserva di proprietà.
8.6.
Se il credito ceduto viene assunto in una fattura corrente, l’acquirente ci cede già da ora una parte del saldo corrispondente all’entità di questo credito, compreso il saldo di chiusura del conto corrente.
8.7.
Fino alla nostra revoca, l’acquirente è autorizzato a recuperare e riscuotere i crediti a noi ceduti. La revoca può essere da noi effettuata, se l’acquirente non adempie correttamente ai suoi obblighi di pagamento nei nostri confronti o nel caso in cui vengano a nostra conoscenza circostanze idonee a far dubitare sostanzialmente della solvibilità dell’acquirente. Se sussistono i presupposti per l’esercizio del diritto di revoca, su nostra richiesta l’acquirente dovrà comunicarci immediatamente i crediti ceduti ed i nominativi dei debitori, fornirci tutte le informazioni necessarie per la riscossione dei crediti, consegnarci tutti I documenti relativi e segnalare la cessione al debitore.
8.8.
Se rivendichiamo la riserva di proprietà, ciò costituisce recesso dal contratto, soltanto se il recesso è da noi espressamente dichiarato per iscritto. Il diritto dell’acquirente a possedere la merce con riserva di proprietà si estingue, se egli non adempie agli obblighi derivanti dal presente o da altro contratto.
9. RESPONSABILITA’ PER VIZI DELLA COSA FORNITA
9.1.
Si declina ogni responsabilità per uso scorretto, improprio o non appropriato della merce, in particolare per eccessivo sfruttamento, montaggio errato od impiego errato da parte dell’acquirente o di terzi, deterioramento naturale (usura), trattamento scorretto o negligente, in particolare da parte di personale non addestrato.
9.2.
L’acquirente è obbligato a controllare scrupolosamente la completezza e la correttezza della merce fornita, immediatamente dopo averla ricevuta, anche se in precedenza erano stati inviati campioni o saggi. La fornitura è da ritenersi accettata se non perviene alcuna contestazione di vizi per iscritto, per telex o per telefax entro 10 giorni lavorativi dalla consegna della merce nel luogo di adempimento oppure, se il vizio non era riconoscibile ad un controllo ordinario, per iscritto, per telex o per telefax entro 10 giorni lavorativi dalla sua scoperta. Ciò vale anche per forniture multiple. Se una fornitura multipla non viene contestata entro 10 giorni dalla consegna della merce nel luogo d’adempimento, essa è da ritenersi accettata. I nostri addetti al servizio esterno (rappresentanti) non sono autorizzati a ricevere contestazioni sui vizi e sulla quantità della cosa fornita.
9.3.
Se l’acquirente accetta una merce viziata, sebbene ne abbia riconosciuto i vizi, gli spettano i diritti derivanti dai vizi soltanto se egli si riserva tali diritti al momento dell’accettazione.
9.4.
La nostra responsabilità per i diritti dell’acquirente derivanti dai vizi della merce, ha una durata di due anni a decorrere dalla consegna. È salva la garanzia per evizione ai sensi delle norme vigenti. La responsabilità per danni derivanti da vizi si conforma al punto 10.
9.5.
In caso di contestazione legittima dei vizi della merce, l’acquirente ha dapprima diritto soltanto alla ripetizione della fornitura, che potremo eseguire a nostra scelta tramite riparazione oppure sostituzione della merce viziata. Se la nuova fornitura non ha esito positivo, rappresenta una palese ingiustizia per l’acquirente (art. 440 BGB, c.c. tedesco) oppure si rende superfl ua nel caso in cui:
a)
in conclusione ci rifi utiamo di eseguire la nuova fornitura,
b)
non riusciamo ad eseguire la nuova fornitura alla data concordata per contratto o entro una determinata scadenza, e l’acquirente ha vincolato contrattualmente alla puntualità della prestazione il persistere del suo interesse alla prestazione stessa, oppure
c)
sussistono particolari circostanze, che in considerazione degli interessi di entrambe le parti giustifi cano l’immediato recesso dal contratto (art. 323 comma 2 BGB, c.c. tedesco), all’acquirente spetta immediatamente il diritto di chiedere una riduzione del prezzo d’acquisto della merce, oppure a sua scelta di recedere dal contratto, o di esigere un risarcimento danni al posto della prestazione, o il risarcimento dei tentativi infruttuosi conformemente a quanto disposto dal punto 10.
9.6.
L’acquirente è tenuto a lasciarci il tempo necessario e la possibilità di eseguire tutte le riparazioni o forniture supplementari che ci sembrino opportune ad equo giudizio, pena la decadenza della responsabilità per vizi. L’acquirente ha il diritto ad eliminare egli stesso il vizio o a farlo eliminare da terzi, esigendo da parte nostra il rimborso dei costi sostenuti, soltanto in casi urgenti, in cui potrebbe venir meno la sicurezza di funzionamento, e a prevenzione di danni sproporzionatamente ingenti, tenendo conto che in questi casi, egli dovrà immediatamente informarci, oppure qualora fossimo in ritardo nell’eliminazione del vizio.
9.7.
Anche in caso di fornitura sostitutiva di una merce viziata, la durata della garanzia è di due anni. Essa si estende almeno fi no alla scadenza dell’originario periodo di garanzia, relativo all’oggetto della fornitura.
10. RESPONSABILITA’ CIVILE PER DANNI
10.1.
Secondo quanto previsto dalla normativa di legge, la nostra responsabilità civile si estende a danni derivanti da lesioni alla vita, all’incolumità fi sica o alla salute della persona.
10.2.
Per il resto, la nostra responsabilità civile per infrazione di obblighi e la nostra responsabilità extracontrattuale sono limitate ai casi di dolo e colpa grave. È esclusa qualsiasi nostra responsabilità per colpa grave di nostri dipendenti, operai e semplici aiutanti.
10.3.
Fa eccezione al punto 10.2 l’infrazione di obblighi sostanziali del contratto (obblighi cardinali). In questo caso la nostra responsabilità si estende alla negligenza per propria colpa e alla colpa di nostri dipendenti, operai e semplici aiutanti.
10.4.
La responsabilità è limitata ai danni tipici da contratto, il cui insorgere doveva essere da noi preveduto al momento della stipulazione del contratto in ragione delle circostanze a noi note in quel momento.
10.5.
Un’ulteriore responsabilità è esclusa a qualsivoglia titolo. In particolare decliniamo qualsiasi responsabilità per un mancato esito positivo a livello economico, per mancato lucro, per danni indiretti, per danni successivi e conseguenti e per danni derivanti da rivendicazioni di terzi.
10.6.
Le suddette limitazioni di responsabilità valgono analogamente per i diritti di risarcimento danni causati da tentativi infruttuosi (art. 284 BGB, c.c. tedesco).
10.7.
I diritti di risarcimento danni, a qualsivoglia titolo, cadono in prescrizione nel termine di 2 anni a decorrere dall’inizio previsto dalla legge del periodo di prescrizione, al più tardi al momento della consegna della merce.
10.8.
Le suddette disposizioni non comportano un’inversione dell’onere della prova a svantaggio dell’acquirente.
10.9.
Sono salvi i diritti di risarcimento danni derivanti dalla normativa sulla responsabilità del produttore.
11. RESO DI MERCI
11.1.
Il reso di merci potrà essere effettuato soltanto previo accordo e franco destino.
11.2.
In caso di merce resa, il riaccredito avviene al netto di diritti amministrativi del 30% del valore netto della merce, più eventuali spese di rimessa a nuovo.
12. LUOGO DI ADEMPIMENTO, FORO COMPETENTE E DIRITTO APPLICABILE
12.1.
Luogo di adempimento per gli obblighi di entrambe le parti è Goslar.
12.2.
Foro competente esclusivo per tutte le controversie è, per gli imprenditori pienamente soggetti alla normativa di diritto commerciale, il Tribunale competente per la nostra sede. Tuttavia siamo autorizzati ad agire in giudizio anche di fronte a qualsiasi altro foro.
12.3.
Per i nostri rapporti con l’acquirente trova applicazione il diritto tedesco, a cui fanno eccezione la Convenzione delle Nazioni Unite sulla compravendita internazionale di beni mobili (CISG) e le normative di diritto privato internazionale.
12.4.
Se talune disposizioni delle presenti Condizioni dovessero risultare ineffi caci, o perdere effi cacia a causa di una circostanza futura, rimane salva l’effi cacia delle restanti disposizioni.

Aggiornate al mese di marzo 2003